Buste Comiche Scopata A Mano Comica Baffi Borsa Di Juta Manico Lungo 38x42cm Colore Nero / Rosa Rosa / Rosa

B071K9CNR9
Buste Comiche - Scopata A Mano Comica - Baffi - Borsa Di Juta - Manico Lungo - 38x42cm - Colore: Nero / Rosa Rosa / Rosa
  • borse da donna
  • ✔ articolo: borsa individuale in juta stampata con: bocchino a mano comico - baffi
  • <i>✔ design: trendy, cool, stylish, originell.</i> <b>✔ design: trendy, fresco, elegante, originale.</b> <i>das accessoire made in germany!</i> <b>das accessoire made in germany!</b>
  • ✔ caratteristiche: 100% cotone, dimensioni: 38x42cm, volume: 10 litri, produzione ecologica e alta qualità!
  • ✔ borse comiche: mostra il tuo umorismo, sii individuale e scrivi affermazioni nel tempo libero, a scuola, in città o nella prossima festa o solo come regalo per famiglia, amici, fratelli, sorelle o colleghi per il prossimo compleanno o per Natale.

“L’Europa in movimento”: l’Ue presenta il pacchetto di norme per curare il traffico

  • La Spezia
  • Abeba Scarpe Antinfortunistiche Da Uomo Multicolore Nero / Grigio 43
  • Meno incidenti, pedaggi autostradali equi e lotta all’inquinamento sono fra gli obiettivi

    Il commissario europeo ai Trasporti, Violeta Bulc, oggi durante la sessione plenaria del Parlamento Europeo


    Pubblicato il 31/05/2017
    Ultima modifica il 31/05/2017 alle ore 17:26

    Trasporti più sicuri, pedaggi equi, riduzione dell’inquinamento, lotta al lavoro nero: la Commissione europea presenta oggi un pacchetto di misure chiamato «L’Europa in movimento» pensato per migliorare la mobilità nel vecchio continente.  

    L’obiettivo è realizzare benefici che «a lungo termine si estenderanno ben oltre il settore dei trasporti, in quanto tali misure promuoveranno l’occupazione, la crescita e gli investimenti, rafforzeranno l’equità sociale, amplieranno le possibilità di scelta dei consumatori e indirizzeranno l’Europa sulla strada della diminuzione delle emissioni». 

    Secondo il vicepresidente Maros Sefcovic, «il mondo dei trasporti si sta trasformando in modo radicale. L’Europa deve cogliere questa opportunità e plasmare il futuro della mobilità», Desigual Borsetta Da Donna Tracolla Moose Sonora Brown marrón 6049
     Violeta Bulc, Commissaria per i Trasporti, spiega che «con queste riforme porremo le fondamenta per soluzioni stradali digitali standardizzate, condizioni sociali più eque e regole di mercato applicabili. Le riforme contribuiranno a ridurre i costi socio-economici dei trasporti, come il tempo perduto a causa del traffico, gli incidenti stradali mortali o con feriti gravi e i rischi per la salute derivanti dall’inquinamento e dal rumore». 

    «Europe on the move»  prevede una prima serie di 8 iniziative legislative riguardanti in modo specifico il trasporto su strada. Si tratta di un settore di particolare importanza per l’esecutivo comunitario, perché impiega direttamente 5 milioni di europei, e perché è all’origine di circa un quinto delle emissioni di gas serra dell’Ue.  

    Le proposte puntano a migliorare il funzionamento del mercato del trasporto delle merci su strada e le condizioni sociali e occupazionali dei lavoratori. In particolare, prevede una maggiore attenzione al rispetto delle normative, della lotta alle pratiche occupazionali illecite, del taglio degli oneri amministrativi per le aziende e della precisazione delle norme esistenti, ad esempio sull’applicazione delle leggi nazionali sul salario minimo. 

    La Commissione promuove inoltre le soluzioni di mobilità senza interruzioni che permetteranno ai cittadini e alle imprese di spostarsi più facilmente in tutta Europa. Va in questa direzione la proposta di migliorare l’interoperabilità tra i sistemi di telepedaggio, che consentirà agli utenti della strada di viaggiare nell’intera Unione senza doversi preoccupare delle diverse formalità amministrative. Specifiche comuni per i dati relativi al trasporto pubblico, inoltre, permetteranno di pianificare meglio il viaggio e di seguire l’itinerario migliore anche quando questo comporta l’attraversamento di una frontiera. 

    Questa prima serie di otto proposte sarà integrata nel corso dei prossimi 12 mesi da altre proposte, fra cui quelle relative alle norme sulle emissioni successive al 2020 per autovetture e furgoni, oltre alle prime norme in assoluto riguardanti le emissioni dei veicoli pesanti, che fanno seguito alla proposta odierna concernente il monitoraggio e la trasmissione di informazioni in tema di emissioni di CO2 e consumo di carburante dei veicoli pesanti.  

    Qui gli articoli del numero zero uscito con Alias il 19 dicembre

    La nostra intervista su  Caterpillar Emerge Mens Derby Laceup Shoes Brown arachide Uomo

    Da cosa nasce questa idea? Come mai un giornale che ha sempre trattato di politica e Cultura con la C maiuscola si dedica all’alpinismo?

    Potremmo risponderti in due parole: per passione. Perché l’editoria e l’informazione sono fatti anche di questo, persone in carne e ossa che raccontano storie perché gli piacciono e perché le ritengono importanti. Sicuramente noi due non siamo  “professionisti della montagna”, anche se in questo progetto sono coinvolte firme e persone più competenti di noi come Umberto e Francesca. Ma lo facciamo anche per scelta politica, come dice il gioco della testata “in movimento”. La montagna, l’alpinismo, ma più in generale lo sport o l’outdoor – come si dice oggi -, rappresentano da sempre un terreno naturale dove misurare l’essere umano, i suoi sogni, i suoi limiti.  il manifesto  si mette “in movimento” in un senso apparentemente diverso da quello, politico, al quale sono più abituati i nostri lettori. Eppure l’ outdoor , la  wilderness , il “movimento” appunto, abitano da sempre queste stanze come quelle di chi ci segue. E’ una scommessa editoriale e una sfida culturale che pochi quotidiani finora hanno raccolto in un progetto dedicato.

    Quanto della vostra esperienza personale portate in questa avventura?

    Esperienza noi due ne abbiamo poca. Siamo due arrampicatori romani molto molto dilettanti. Di entusiasmo e competenze editoriali però ne abbiamo, e se troveremo i collaboratori e le storie giuste potrebbe anche nascere qualcosa di importante o di significativo per tutto il settore. Che è piccolo, ma in crescita. La cosa più importante per noi è che il pubblico della montagna (e un domani quello di altri sport o attività che affronteremo) è un pubblico dinamico – brutta parola ma bel concetto -, curioso, attento, viaggiatore con le gambe e con la mente. E’ perciò un pubblico per noi prezioso e in qualche modo vicino anche ai temi del quotidiano che facciamo ogni giorno.

    Nell’articolo di presentazione uscito a dicembre accennavate al tema della “montagna usata”, volete spiegarcelo meglio? Uso e abuso… vi riferivate solo all’industria delle salite agli 8000?

    No, era un concetto più ampio, che abbiamo scelto per il numero zero. Più una membrana tra due mondi che un muro. Usare qualcosa è positivo, significa viverlo, renderlo utile, farlo proprio. Ma può significare anche tradirlo, abusarne, snaturarlo. Tra natura e uomo non c’è una pacificazione spontanea, anzi. Ci è sembrato lo spunto per un buon inizio. Nel numero di giovedì 11 ci concentriamo invece sull’alpinismo invernale, anche se di neve ora ce n’è poca! In tutti i suoi aspetti – dalla scalata su ghiaccio all’arrampicata, dal Nanga Parbat al “nostro” Gran Sasso. Teniamo presente che  il manifesto  va in tutte le edicole di Italia e di natura e montagne, per fortuna, ne abbiamo dappertutto. A marzo usciremo con una monografia sull’arrampicata e la roccia. Perciò questi primi due numeri sono centrati soprattutto su un’attività. In futuro, invece, torneremo a lavorare anche su dei concetti. Abbiamo molte idee, e se il progetto in edicola dovesse funzionare potrebbe diventare uno spazio più ampio per tutti coloro che amano la natura e l’outdoor.

    Le firme sono alpinisticamente di tutto rispetto, tra tutti Anna Torretta, Daniele Nardi, Umberto Isman. Qual è l’intento? Avvicinare all’alpinismo e quindi al “movimento” fisico il pubblico politico e intellettuale dei vostri lettori abituali, o alimentare quel po’ di “movimento” intellettuale che già esiste ma a volte sfuma tra il pubblico degli arrampicatori?

    Entrambe le cose. Sicuramente è un inserto che in prospettiva cerca un pubblico nuovo e autonomo rispetto a quello del quotidiano. Che vuole parlare a tutti, anche e soprattutto ai non “montanari”, senza perdere però in approfondimento e qualità per chi “le cose le sa”. Non è una rivista specializzata, ce ne sono già tante, bellissime. E’ un prodotto su carta da giornale, non patinato. Perciò la qualità dei contenuti è tutto. Secondo noi mescolare la competenza, l’occhio e la mano di giornalisti non di settore come quelli del  manifesto  con le esperienze di persone importanti come quelle che hai citato – ma ce ne sono altre, il fotografo Damiano Levati, un paio di case editrici, Marco Geri, Gianni Battimelli, il glaciologo Riccardo Scotti, le vignette di Caiocomix – può essere ciò che manca a questo ambiente. Il mestiere e la passione, sacro e profano mescolato insieme, che è un po’ l’antico segreto dei quotidiani.

  • DIRE.it

  • Notiziari Regionali

  • Sezioni